L’ideologia queer come nuova religione

Ravviso nel pensiero queer la stessa pretesa delle religioni di trascendere il dato empirico per proiettarlo su un piano astratto che si faccia idea modellante della realtà. Non propone un percorso che, partendo dalla realtà, sia in grado di gestire le cose; bensì un percorso che parte da concetti ritenuti superiori ( come le idee platoniche) in grado di fare la realtà.

Come tutti i pensieri religiosi a fronte di dolore sofferenza, difficoltà, propone una risposta semplice per quanto empiricamente contraddittoria. C’è il dogma che prevale sul dato. Un dogma rassicurante preconfezionato che dà alle persone la possibilità di rispecchiarsi senza bisogno di mettersi in discussione. Senza cogliere le nostre contraddizioni.

Il pensiero queer dovrebbe far paura proprio perché opera come le religioni e le religioni sono una inclinazione umana abbastanza diffusa. Soprattutto in periodi di grande crisi ed incertezza.

Il pensiero queer è come la PAS, né più né meno. Ci vedo delle somiglianze impressionanti a partire dai soggetti che vengono colpiti con intento punitivo se non ossequiosi e genuflessi: le femmine, quelle adulte soprattutto. E non è un caso che Gender Identity Theory, ideologia Queer e PAS siano nate negli USA, un paese in cui a scuola di può studiare ancora il creazionismo a discapito dell’evoluzionismo.

Qualcuno fa giustamente coincidere i concetti di genere e razza. Se è vero che razza è un concetto relativamente recente, proprio perché è andato di pari passo con la scoperta e lo studio della biologia e della genetica in particolare. La deumanizzazione ( che è esattamente l’atteggiamento che il razzismo scientifico vuole legititmare) è un fenomeno millenario. Quindi il problema non è la categoria di razza ( che può essere asettico come lo è in parte in biologia) ma la deumanizzazione che vi sta dietro.

Il pensiero queer propone categorie ontologiche non verificabili.

Ecco un esempio: nei secoli passati si attribuivano al maligno la maggior parte delle manifestazioni patologiche sia della mente che del corpo. Eri bipolare? Eri posseduto. Con i queer è la stessa cosa; hai problemi con la percezione e la costruzione dell’io? Allora diamo dignità e forma linguistica a questo tuo disagio. Non ti chiediamo di affrontarlo per farti stare bene, starai bene solamente limitandoti a dargli un nome.

Ed in effetti quello che spesso dicono è ” le persone trigender esistono!”, esattamente come la Santissima Trinità esiste per i cattolici. Non ha importanza che un essere uno e trino contemporaneamente è qualcosa di illogico, così come è illogico che una persona sia tre-generi simultaneamente o alternativamente.

L’ideologia queer e la Gender Identity Theory sono un costrutto religioso-metafisico basato sulla linguistica che nulla hanno a che fare con le persone transessuali, uomini o donne che siano: loro sì che fanno esperienza gravosa di un dato empirico, che parte proprio dall’esperienza corporea.

Il pensiero queer inverte i termini e parte dai concetti per fare la realtà.

È un sistema che si autoafferma e autoconferma e come i dogmi è insindacabile. Invece di eretici, miscredenti, manichei abbiamo altre categorie tese ad individuare il nemico, anzi direi soprattutto le nemiche cui attribuire il sommo male. Come l’Inquisizione che formalmente voleva eradicare il maligno ma nei fatti bruciava donne e ragazze.

Ecco il fideismo, le verità autoevidenti e circolari sappiamo però che non hanno mai portato nulla di buono in questo pianeta. Ed in un certo senso si varcando un limite oltre il quale nemmeno le religioni erano andate.

Perchè si badi bene: non esistono studi che certifichino la sussistenza di tutte le categorie gender queer in ambito medico-biologico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...